.
Annunci online

foto con commenti poetici e quasi poesie
Emozioni
post pubblicato in POESIE, il 28 agosto 2010

Mi immergo nell’acqua in altra realtà

Quasi fosse un territorio da acquisire

Dopo anni d’assenza, è un altro sentire

Ciò che un tempo era quotidianità.

 

Di una leggera sensazione

Come fosse nell’aria volare

Lasciarsi nell’acqua andare,

Poter vivere altra condizione;

 

Che non solo sulla terra solita

Sia la condizione ideale

Ma anche nel molle, malleabile

Mare dove nata è la vita.

 

M’immergo dunque, subito affondo

In nuove e concrete sensazioni

In nuove e strane emozioni

Nel mare felice e giocondo.

 

E mi sovviene di  pensare:

 mai essere fu cosi ingrato

Da lasciare nel tempo malato

Quel ventre che dovrebbe amare.

 

 

E la mia mente corre ai tanti disastri

Nel tempo accaduti causati dall’uomo

Per  incuria avarizia ed egoismo  

A quei che del mondo sono i pilastri.

 

E il mare a me ricorda dall’Abisso

profondo che giudizio si erge

il tempo remoto a ricordare

che anche noi veniamo da esso.

Assenza
post pubblicato in diario, il 26 agosto 2010

Dimmi, tu che eri, con la vita, il mio legame:

Ora che in silenzio te ne sei andata,

ora che ho perso il senso della vita,

a che serve amare se poi soli si rimane?

 

Della mia vita eri la luce,

la padrona eri del mio cuore;

come la luna che seduce,

ridavi vitalità al nostro amore.

 

Che ne sarà, ora, della passione

Che da tempi immemori

Albergava nella mia visione?

 

Dei tuoi occhi ero il riflesso

Nei tuoi occhi mi ero perso.

Ora, dimmi, cos’è l’amore?

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. amore solitudine passione

permalink | inviato da verduccifrancesco il 26/8/2010 alle 18:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Domani ricomincio (?)
post pubblicato in POESIE, il 18 agosto 2010

Domani ancora uscirò nel limpido mattino,

ancora vedrò il sole all’orizzonte sorgere,

ancora, uscendo, vedrò e saluterò il vicino

indaffarato, il meglio della vita a cogliere.

 

Ma la vita non avrà più lo stesso sapore!

 

Senza te, sarò solo, adesso.

Solo, senza il tuo sorriso dilagante,

solo, senza il tuo corpo generoso,

solo, senza il tuo fare coinvolgente.

 

Solo, senza il tuo dolce parlare,

solo, senza le tue tenere carezze,

solo, senza il tuo viso solare.

 

Solo, senza i tuoi teneri baci,

solo, senza i tuoi occhi profondi,

solo, senza i tuoi sinceri abbracci.

 

Solo, senza il tuo tenero amore!

Ora, la mie giornate inizierò senza passione.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. amore solitudine passione

permalink | inviato da verduccifrancesco il 18/8/2010 alle 21:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Nuova vita
post pubblicato in POESIE, il 10 agosto 2010

Improvviso, un raggio di luce,                                  

Illuminò gli aridi pendii                                                                               

del mio cuore mordace.

                                                                                             

Nella notte perenne degli addii,

di fantasmi e ombre popolata,

s’insinuò a riportare la luce del di.

 

Sentii, allora, un’emozione mai provata,

ritrovai sentimenti nel profondo dimenticati,

e fantasmi e ombre svanire senza vita,

rinacqui, allora, felice a nuovi fermenti.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. amore vita solitudine

permalink | inviato da verduccifrancesco il 10/8/2010 alle 18:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
PARTENZA
post pubblicato in POESIE, il 2 marzo 2010
Parti ch'era già straniero nel proprio villaggio
lontano dai suoi amici, chiuso in se stesso
in un sogno che nessuno,
pensava, potesse condividere.

Parti senza meta, per terre sconosciute,
senza rimpianti e senza rancori,
inseguendo il suo sogno oltre l'orizzonte
convinto di lasciare solo dolori.

Parti un giorno di sole,
sulle labbra il sorriso,
davanti a se guardando diritto , 
senza saluti ne lacrime altrui.

In solitudine, viaggò
tra gente sconosciuta;
prigioniero senza condanna,
la sua sorte accettò.









Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. solitudine partenza

permalink | inviato da verduccifrancesco il 2/3/2010 alle 17:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
Vita sospesa
post pubblicato in POESIE, il 11 giugno 2009
A chi dedico queste parole?
a nessuno e a tutti.

Nell'indifferenza totale 
oggi ho vissuto. 
La noia, ecco
  la mia padrona.
Scorrendo i giornali
guardando la tivu
non trovo niente
di edificante
che mi possa aiutare
a vincere
,l'immenso torpore
del mondo.

Senza odio

Non ho niente oggi da dire
non ho nessuno oggi da odiare,
guardando dentro me stesso
  non vedo altro che vuoto.

Parole e ricordi

Immagini sfocate, diafane, trasparenti
lontane nel tempo, sospese nello spazio
infinito, fantastico, dell'interiore  mondo 
mai tradotte in parole, sempre latenti.
 
Ricordi che non vogliono morire,
ma sempre sommersi rimangono;
incapaci di mostrarsi, se ne stanno
nascosti, sotto alle mie paure.

Le osservo, queste immagini, 
osservo questi ricordi,
come in un film al rallentatore,
che si dipana nel profondo della mente.

Sono la mia vita, 
quello che ero, 
quello che sono,
complici nell'età.

Pensieri

Immagini e parole sommersi guidano la mia vita in un susseguirsi di azioni a volte incomprensibili.

Non sempre è facile distinguere il presente dal passato, dipanare ciò che è ricordo da ciò che è presente.

Come una matassa si avvolge la vita, come una serpe nel pericolo si attorciglia, indifferente ai richiami del se presente, continua imperterrita la sua strada.

Come un'aquila vola alta nel cielo, lasciando il suo corpo disteso per terra, osserva se stessa nei più reconditi segreti.

Degli affanni dell'esistenza si fa beffa, superba e arrogante, a cura solo di se stessa.

Vorrei fermarla, vorrebbe fermarsi, ma, incapaci d'incontrarci, ci limitiamo ad osservarci. 

Sguardi obliqui attraversano lo spazio da me attraversato, di persone per bene, oneste, lavoratrici, incomprensibili. Guardano l'esemplare asociale come un raro animale, come un qualcosa da tener sotto controllo, oggetto raro ma non tanto, da guardare ma non toccare, guai!!!! mai mischiarsi con l'alieno alienato. In fondo al loro cuore, ancora scintilla un tiepido senso d'umanità, ancora provano un po' di pietà, ma per chi? per l'asociale o per loro stessi?

In fondo, la vita val la pena d'essere vissuta perché finita; vi siete mai chiesti come vive un immortale, anzi, vi siete mai chiesti cos'è l'immortalità? che noia!!! essere immortale, dico, vivere sempre senza nessun bisogno, materiale almeno, ma forse neanche spirituale. A che servirebbe mangiare, bere, vestirsi, ripararsi, procreare; a che servirebbero i sentimenti, i sensi, se un essere non muore mai? a niente!!!!!!!!!

Ciao, spero di non avervi annoiato, daltrode, se siete arrivati fin qui, significa che, perlomeno, avete provato un po' di curiosità nelle mie strane parole.
Buona notte

 









 

NOI E GLI ALTRI
post pubblicato in diario, il 10 maggio 2009
L'uomo è solo con se stesso quando non sa rapportarsi con gli altri.
Vivere soli è come essere morti, perché solo nel rapporto con gli altri si può sentire l'evolversi di noi stessi interiormente, rendendoci liberi dalle paure attraverso la conoscienza di ciò che ci circonda , cresciendo sempre più ogni giorno sia culturalmente sia spiritualmente.
La solitudine è esattamente il contrario di ogni crescita individuale e collettiva.
Solitudine
post pubblicato in POESIE, il 14 aprile 2009
Pian piano passo dopo passo 
verso la cima è diretto 
per sentieri conosciuti 
che potrebbe fare ad occhi chiusi 
tra paesaggi da tempo noti 
avanza lento e leggero 
Il vecchio montanaro 
stanco ma felice 
prosegue lento il suo cammino 
---------------------- 
si siede su un masso 
lontano dal chiasso 
cancella ogni affanno 
e fissa lo sguardo lontano 
oltre le cime dei monti 
oltre i conosciuti orizzonti 
nel punto dove lo sguardo 
si perde nel vuoto del nulla

Sfoglia giugno        settembre
calendario
rubriche
tag cloud
links
cerca